L’U.S.D. Casellina nasce nel 1972.
Lo scudo è un simbolo generalizzato: il campo è diviso da un castello stilizzato con due torri in oro e rosso e l’altra parte con scacchi bianchi e rossi. Ideato e in parte rilevato dalle prime tessere della “VIRTUS CASELLINA” nata prima del 1970 per merito dei fratelli Ermanno e Alfredo Messina con alcuni appassionati.

Nella tessera appare uno scudo con due torri e quello è il simbolo del “Casellina”, riferendosi alla villa dell’ Acciaiolo sita nel comprensorio di Casellina.
Quando i fratelli Messina chiesero agli sportivi della zona, la collaborazione per tirare avanti quello che era cominciato bene, insieme a Bianchi Fabrizio prima Manetti Stefano appena dopo, nacque nel 1972, L’UNIONE SPORTIVA CASELLINA.

Ecco come si spiega il 1972 nel distintivo.
La società ampliata, ebbe il modo di avere una migliore organizzazione e, fra l’altro, venne anche l’intenzione di avere un distintivo proprio.
La signorina Silvia Manetti ebbe così dal Consiglio l’incarico e un’idea del disegno fare ed eseguì con discrezione il lavoro del nuovo distintivo dell’US. Casellina che di seguito viene descritto:

SIMBOLO: Castello con due torri stilizzato di colore oro e rosso.
Il calore oro significa potenza e nobiltà, il colore rosso significa il sangue, il cuore, l’audacia.

SCACCHI: Di colore bianco e rosso (sono i colori ufficiali del Casellina). Gli scacchi furono tratti da una delle prime mute di maglie di un certo pregio.
La scelta dei colori rimane ancorata alla prima muta di maglie indossata dai nostri giocatori ancor prima del 1970. Del significato del colore rosso abbiamo già parlato, mentre il bianco per noi del Casellina, vuol dire neutralità.
In più i colori bianco e rosso sono gli stessi dell’antica repubblica fiorentina.

MAGLIA: In seguito ad un concorso di figurine di calciatori, fu inviata all’allora Virtus Casellina, una muta di maglie a strisce bianco-rosse, tipo quelle del Lanerossi Vicenza. Da allora quella è la maglia ufficiale.

 

GALLERIA STORICA